lunedì 29 ottobre 2012

Pescare Con Il Formaggio In Mare

Il formaggio è una componente fondamentale della pesca in mare. Viene usato quasi esclusivamente come additivo per le pasture come richiamo per sparidi e muggini. Nonostante questo, molti pescatori ignorano le sue qualità quando viene utilizzato direttamente come esca e molte volte, la pesca in mare con il formaggio, può riservarci delle belle sorprese.


Iniziamo col dire che non tutti i formaggi sono adatti alla pesca. Ad esempio il pecorino e il gorgonzola, ottimi per le pasture, non vanno bene come innesco. Dovremo trovare un formaggio che dovrà avere una buona tenuta all'amo, facilità di innesco e ovviamente dovrà essere appetibile per più specie ittiche.

I formaggi morbidi sono i più validi, però hanno poco tenuta all'amo durante il lancio. Possiamo usarli con la canna fissa, calando delicatamente l'esca in acqua alla ricerca di pesci difficili da allamare come cefali e salpe. In questa categoria sono da predilire il formaggino, lo stracchino e similari, che lavoreremo con le mani per dargli una maggiore capacità di innesco. In questo caso, con la fissa, pescheremo leggerissimi: 0,12-0,14 lenza madre e terminale in fluorocarbon 0,10-0,08. Galleggianti da 1-1,5 grammi. Ami tra il 20 e il 16.

Pescando con la bolognese, possiamo usare formaggi più duri(emmenthal o formaggio tipo testa di moro), che taglieremo a piccoli dadini con un coltellino, in modo da coprire perfettamente l'amo. In questo caso, alziamo il diametro dei monofili, alla ricerca di bei saraghi(foto in alto)e occhiate.

Si può usare il formaggio anche nella pesca a fondo, alla ricerca di saraghi e orate. Adopereremo la montatura con piombo scorrevole(40-50 grammi) sulla lenza madre, a battere su girella e moschettone, con terminale 0,20-0,25 lungo circa 1,5 metri. Per la pesca a fondo con il formaggio sorprendenti e inaspettati risultati si sono avuti con il gruviera.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

è da poco che uso l emmental a fondo e mi sto divertendo un sacco solo belle catture....poca spesa tanta resa ...provare per credere per non perdere l esca durante il lancio uso due ami, uno legato e uno di quelli con il buco lascito libero di scorrere faccio un bel quadrotto di formaggio ci pianto l amo fisso e ci ripianto al di sotto l amo che ho lasciato libero di scorrere, cosiglio una grammatura non superiore ai 30 grammi e un finale molto lungo perche le orate hanno il l abitudine di portar un po a spasso l esca prima di ferrare e se sentono un eccessiva resistenza mollano il colpo....altri usano per l innesco dell amo sul formaggio un metodo diverso tipo staccano il finale dalla girella piantano un piccolo uncinetto nel formaggio,agganciano l asola e tirano su l amo dentro il formaggio......ma siccome io son molto pigro con i due ami ho risolto O.=

mrpesca ha detto...

Grazie del commento, le testimonianze dei lettori sono sempre ben accette e danno più forza a quello scritto nell'articolo...ciao "anonimo lettore"